República de San Marino: un pequeño estado en el corazón de Italia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Un fine settimana di libertà improvvisa. Così nasce l’idea di andare un giorno e mezzo a San Marino, tra l’altro un luogo simbolo di libertà. Uno degli stati più piccoli della Comunità Europea, la Serenissima Repubblica di San Marino, si presta molto bene a una visita di pochi giorni. La storia di questo microstato è affascinante e la base sta tutta nel sentimento di libertà e di indipendenza, vanto che risale alla sua fondazione. Religiosa da avere un nome di un santo ma laica proprio per volere del suo fondatore. La storia, che in questi casi lascia il passo alla leggenda, narra che la fondazione risalga al 301 d.C con la fuga di San Marino dalle persecuzioni cristiane. Il santo avrebbe fondato lì una prima comunità e prima di morire avrebbe detto: «Vi lascio liberi da ambedue gli uomini», dall’imperatore e dal Papa, dallo stato e dalla Chiesa. Parole che diventarono un motto scolpito nella pietra per la piccola comunità e giustificazione di esenzione dalle tasse.

Visitare San Marino è come camminare nel regno delle fiabe. Si varca il primo cerchio di mura e si entra in un’altra dimensione, fatta di castelli, torri e riferimenti medievali. Un’immersione completa tanto che sarebbe normale aspettarsi di vedere all’improvviso un cavaliere a cavallo o una principessa con un vestito sontuoso. Le rocche della capitale dello Stato, Città di San Marino sono tre: Cesta, Guaita e Montale, di cui soltanto due visitabili. Entrare è quasi d’obbligo. Durante la salita alle torri è bello assentarsi un attimo dalla contemporaneità e chiudere gli occhi in cerca dell’atmosfera che poteva esserci quando erano abitate. All’interno si può visitare l’antico carcere, un museo delle armi e delle armature e poi ammirare l’architettura delle rocche e il panorama che si estende fino al mare. In un giorno di permanenza si può assaporare la vita dei vicoli della piccola capitale, i palazzi civili e le tanti occasioni d’arte. La sosta pranzo non può che essere a base di piadina, ce ne sono di tutti i gusti e i tipi.

Spinti dalla pioggia battente ci addentriamo nel museo delle curiosità. Seicento metri quadri che raccolgono una serie di stranezze provenienti da tutto il mondo. Un museo che non ha un particolare collegamento con San Marino ma che dimostra come le idee possano essere produttive. All’interno si trovano riproduzioni e oggetti autentici di antiche scoperte, invenzioni o casi passati alla storia. Ci sono i racconti di personaggi bizzarri, da guinnes dei primati loro malgrado: la donna più bassa, l’uomo più alto, la famiglia più numerose e così via. Ma anche storie di invenzioni che non hanno avuto successo o l’origine di oggetti che oggi utilizziamo comunemente.

Il nostro giro di poco più di 30 ore a San Marino si è concluso con una tappa d’obbligo per tutti gli appassionati di motori. A 40 km a sud, nella provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche, c’è un piccolo Comune diventato famoso per essere la città in cui è cresciuto il pilota Valentino Rossi. Siamo a Tavullia, un luogo diventato quasi santuario per gli amanti delle due ruote. In qualsiasi giorno dell’anno c’è una specie di processione di tifosi in visita nei luoghi diventati di culto del mito del Dottore. Lì c’è il ranch di Valentino e se siete fortunati vi può capitare di vederlo entrare e fare le prove con la sua due ruote. I luoghi dedicati al Dottore sono molti, il muro giallo con i disegni dei bambini, uno store per i gadget e una bottega con i prodotti tipici dove poter mangiare. 

Basilica di San Marino

 

 

Bandera de San Marino

La Repubblica di San Marino, il terzo stato più piccolo d’Europa.

 

La República de San Marino (en el dialecto local: San Marèin), es un estado ubicado entre Emilia Romagna y Marche, en el centro-norte de la península italiana. Este estado tiene una extensión territorial muy pequeña, 61.19 km cuadrados, y es uno de los estados europeos menos poblados con solo 33,000 habitantes. La capital del estado es la ciudad de San Marino, un pueblo de unos 4.000 habitantes, el tercer pueblo más grande del país después de Dogana y Borgo Maggiore.

El idioma oficial del estado es el italiano, mientras que la moneda nacional es el euro.

Su diversidad con Italia, aunque existe un vínculo consagrado en numerosos tratados y acuerdos bilaterales, se puede notar en: sus propias leyes, usos y costumbres. Una curiosidad acerca del carácter único y singular de la tierra de San Marino, elegido el tercer país más pequeño de Europa es, sin duda, su calendario: la era de San Marino comienza el día de su fundación, el 3 de septiembre de 301. En San Marino entonces, el año comienza el 3 de septiembre y termina el 2 de septiembre del año siguiente. En las relaciones internacionales, San Marino usa la fecha en doble formato, indicando la abreviatura dFR (desde la fundación de la República).

San Marino tiene también su propia bandera, representada por dos bandas horizontales de igual tamaño: la superior es blanca y la inferior es azul. En el centro de la bandera se encuentra el escudo de armas nacional, el Monte Titano con las tres fortalezas de la capital claramente visibles. El azul simboliza el cielo, el blanco la nieve que cubre el monte Titano durante el período invernal.

Si quieres visitar San Marino y quieres también aprovechar de tu estancia para aprender italiano, contacta con nosotros: info@comeinitalia.it