#yomequedoencasa 4. Leer

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

¿Cuántos libros tienes en casa que aún no has leído? Seguro que varios. Te presentamos nuestra pequeña lista de consejos. Son libros que hemos leído en italiano porque la mayoría son de autores italianos que queremos dar a conocer a nuestro público español, pero nos encantaría hacer otra lista en castellano. Si quieres mandarnos tus 10 títulos, escríbenos y publicaremos tu artículo en nuestro blog.

Ecco i dieci titoli scelti dalla redazione di Come in Italia per #yomequedoencasa:

1. ROSELLA PASTORINO. LE ASSAGGIATRICI

Si può definire un romanzo storico

La storia si svolge ai tempi di Hitler. Prese dalla fame, tre giovani donne saranno le assaggiatrici

dei pranzi del Führer. Nel momento in cui nelle case c’è fame e povertà le protagoniste si lasciano sopraffare dal richiamo e dal profumo del cibo mettendo a rischio la propria vita.

È un romanzo tratto da una storia vera, è un alternarsi di emozioni: vergogna e senso di colpa verso le proprie famiglie (perché a differenza loro, hanno da mangiare) ma anche paura di morire e umiliazione perché cedevano alla debolezza del proprio corpo verso un’azione “primaria”.

2. ELENA FERRANTE. LA VITA BUGIARDA DEGLI ADULTI

Elena Ferrante, la cui identità è ancora avvolta dal mistero dell’anonimato, è considerata una delle più importanti scrittrici italiane contemporanee. Autrice della saga de L’Amica Geniale da cui è stata tratta anche una serie televisiva di successo, in questo libro ci racconta la storia di una giovane donna che si trova, di punto in bianco, a cercare sua zia, sorella del padre a cui pare somigli tanto. Questa curiosità le è nata per caso mentre ha ascoltato senza volere un discorso tra i suoi genitori. Incuriosita dall’esistenza della zia si mette alla ricerca di Vittoria, ma scopre anche che dietro la rosea facciata della famiglia “perbene” si nascondono tante bugie, le cade il mondo addosso.

La storia si svolge nel capoluogo partenopeo, una città divisa tra la “Napoli bene”quella situata nella zona alta, del Vomero, e la “Napoli terra terra” quella della zona pescatori.

Tra mille disavventure dove si troverà meglio la protagonista?

3. FABIO GEDA. UNA DOMENICA

La storia si svolge in una sola giornata, una domenica, in cui il protagonista prepara il pranzo per la prima volta tutto da solo, perché aspetta la figlia col marito e le due nipotine a pranzo da lui.

Un contrattempo manda però tutto all’aria.

Arrabbiato, preoccupato e amareggiato esce a fare una passeggiata nel parco dove conosce una giovane donna col suo bambino, decide di invitarli a casa per non sciupare tutto il pranzo.

È l’inizio di una bellissima amicizia.

4. VALERIA PARRELLA. ALMARINA

Siamo a Nisida, isola napoletana, “l’isola che non c’è” come canta Bennato perché c’è, ma è come se non ci fosse, per gli abitanti della terraferma che, a volte, si dimenticano di lei e di ciò che ospita: il carcere.

La protagonista è un’insegnante di matematica che insegna ai detenuti, tra i suoi alunni ce n’è una che ha passione per la sua materia. Tra le due si istaura una bellissima amicizia.

La professoressa pensa che Almarina possa essere la figlia che ha sempre sognato di avere ma che per il decesso prematuro del giovane marito, non ha mai avuto, inizia così le pratiche per l’adozione. Ma quando Almarina all’improvviso viene affidata a una parrocchia la giovane professoressa quasi impazzisce. Ce la farà a riaverla con sé?

5. CLAUDIA SCHREIBER. LA FELICITÀ DI EMMA

Emma vive tra i maiali, nella la sporcizia e senza contatti con altri esseri umani.

Una notte un episodio sconvolge la sua vita: un uomo, dopo aver scoperto di essere gravemente malato, fa una rapina nell’azienda in cui lavora e decide di scappare in Messico per godersi il tempo che gli rimane, perde il controllo dell’auto e finisce in un burrone nei pressi della fattoria di Emma.

Emma, svegliata dal gran fracasso corre sul luogo dell’incidente e recupera sia la borsa col denaro, sia l’uomo ferito che, volente o no, resterà con lei fino alla sua morte.

Una strana storia d’amore.

6. STEFANIA AUCI. I LEONI DI SICILIA

È un romanzo storico. Una saga familiare.

Una famiglia calabrese si trasferisce in Sicilia nel 1799, dove inizierà l’ascesa al potere.

Si racconta l’amore, la vita dura dei protagonisti, i sacrifici, le morti dei familiari, tutto per l’onore e il potere di questa famiglia che nonostante tutto non si volta mai indietro, ma va avanti, a testa alta ignorando anche gli insulti. È un romanzo molto scorrevole e sono molto belle le descrizioni dei luoghi, è un libro che a raccontarlo perde, va letto.

È un romanzo candidato a diventare presto una serie televisiva.

7. SILVIA VOLPI. ALZATI E CORRI, DIRETTORA

È un giallo. La protagonista è Elsa, una giornalista da poco “direttora” di un giornale locale di Pisa. Ha la passione per la corsa che pratica ogni mattina prima di andare in redazione per trovare la carica giusta. Comanda tutti a bacchetta e non ammette di essere contraddetta.

La giornata di Elsa è infinita tra lavoro, famiglia e concorrenza.

Nel suo team da poco è arrivato un bel giovane livornese che si interessa della cronaca nera, inizia subito a essere bersagliato da tutti per la sua timidezza e per l’eterna rivalità che c’è tra Pisa e Livorno.

Un giorno per caso si scopre un omicidio e la direttora mette alla prova il talento del “moro”.

Riusciranno a risolvere il caso prima della concorrenza?

8. MICHELA MARZANO. IDDA

È un libro che affronta il disagio di chi perde la memoria. È un romanzo molto forte.

La protagonista è una biologa che lavora lontana da casa e che non torna al suo paese natio da molti anni per contrasti familiari.

Un giorno sua suocera viene ricoverata in clinica perché sta perdendo la memoria e Alessandra si ritrova a svuotarle casa, mette le mani tra le sue cose, tra i suoi ricordi, e piano piano, tante cose del passato le ritornano in mente. Si scopre di nuovo figlia.

9. JANE O’CONNOR. SYLVIA PENTON ESCE DAL LETARGO

È un romanzo d’amore, Sylvia è la segretaria di un famoso professore universitario ed è segretamente innamorata di lui tanto da rinunciare a farsi una vita propria, vive alla sua ombra. L’unica stranezza che si concede è il volontariato che fa in un ricovero di ricci.

Amore sognato o corrisposto, visto che il matrimonio del professore è alla fine?

Sylvia sogna ad occhi aperti o veramente il professore si interessa a lei dedicandole pochi momenti durante la loro vita lavorativa? Domande che affliggono Sylvia fino a quando appare una bellissima e affascinante dottoranda.

Sylvia vede in pericolo la sua storia d’amore e gelosissima prende in mano la situazione uscendo dal “letargo”.

10. CLARA SÁNCHER. L’ESTATE DELL’INNOCENZA

La protagonista ricorda la vacanza dei suoi 10 anni in compagnia della sua famiglia, dove due donne molto diverse non si rassegnano a essere mogli e madri.

La madre cerca protezione, la zia le fa conoscere i balli e i vestiti di seta.

Suo padre una figura inutile, suo zio le indica quella che sarà la sua strada da grande.

Un romanzo che fa pensare a quando noi tutti abbiamo oltrepassato la linea invisibile dell’essere bambini all’età adulta.